lunedì 22 ottobre 2012

Coop Crescenza






"La crescenza Coop è un formaggio fresco, ricco di fermenti lattici vivi. Grazie alla loro attività il
prodotto acquista  le sue preziose caratteristiche organolettiche e nutritive. La crescenza Coop viene
prodotta utilizzando esclusivamente latte proveniente da allevamenti italiani".

Questo è quanto scritto sull'etichetta di questo prodotto, un panetto di formaggio da 340g, posto in
vaschetta. Si presenta compatto appena aperto, con una naturale presenza fisiologica di acqua.

Gli ingredienti sono semplici ed onesti: latte, fermenti, sale e caglio

La tabella dei valori nutrizionali per 100g mostra un prodotto leggero e completo, con una base
grassa nella media:

Valori Energetici__________________________ Kj 1231 / Kcal 297
Proteine_________________________________ g 14,7
Carboidrati_______________________________ g 1,8
Grassi___________________________________ g 25,7

E' un formaggio a bassa durata, va mantenuto in frigo, facendo attenzione alle muffe.

Per Coop viene prodotto da :
Venchiaredo S.p.a. nello stabilimento di Ramuscello di Sesto Reghena (Pn)in via L. Nievo, 31

Una buona considerazione di questo prodotto è ben evidente, la consistenza appena aperto
e fresco, è alta, se lasciato in frigo inerte diventa ancora più acquoso. Si spalma bene sul pane,
su crackers, si accosta ottimamente nei toast, pizze, primi piatti e contorni frechi, con altri
elementi di qualità creando delle pietanze appetibili e coinvolgenti.
Un ottimo prodotto al prezzo onesto.


giovedì 11 ottobre 2012

Corso Formazione Allievi Caporeparto Coop 2012




Ovvia si lavora...ci sono dei posti, pochi per fare il caporeparto alla Coop, una possibilità d'incontrarmi durante le mie varie spese quotidiane per i punti vendita, diventerete ancora mio
amico e sempre  cordialmente diventerete lavoratori..

Non sarà facile.. ci sono dei paletti, se poi reggono i facili clintelismi beh!..Allora!!..Non ci provate..
Io non so come si svolgerà, sicuramente è un'occasione persa per non fare questa prova del "9"..
Certamente ci sarà ampia trasparenza, ma in un Italia dove tutto è Grigio....Di colori sgargianti
ce ne bisogno...Io mi fido quindi di questa iniziativa e perchè no...non provare???

Cooperiamo quindi con pacifica e rispettosa cooperazione...

Perchè anche passarti un link per un lavoro è anche "VALORI COOPERATIVI".. molti se ne sono
scordati!..

Ecco il link :


http://www.poloprato.unifi.it/it/alta-formazione/offerta-formativa/allievi-caporeparto.html


Da fonte originale vi passo il testo completo:


Offerta Formativa

CORSO DI FORMAZIONE GRATUITO PER FUTURE/I ALLIEVE/I CAPOREPARTO - DI 800 ORE (600 DI STAGE), PER N. 20 PERSONE

Finalità
Il corso ha l’obiettivo di formare una professionalità da inserire nella grande distribuzione organizzata, nella carriera di caporeparto.

Destinatari
N. 20 giovani inoccupati, disoccupati, in CIGS o in mobilità con età massima di 35 anni, in possesso di diploma di scuola secondaria superiore (quinquennale). Sarà data preferenza ai
residenti/domiciliati nell’area metropolitana, a coloro che sono in possesso del diploma di laurea di primo livello e a coloro che hanno esperienze lavorative nel settore della g.d.o.. Almeno il 30% dei posti è
riservato a donne. Gli stranieri che intendono partecipare devono presentare titolo di studio equipollente/equiparato o equiparabile per durata e contenuto al titolo di istruzione italiano richiesto per l’accesso
al corso.

Struttura del percorso
Il percorso ha una durata complessiva di 800 ore di cui 200 di lezioni in aula, laboratorio informatico e visite didattiche e 600 di stage presso i punti Unicoop Firenze dell’area
metropolitana. Il corso si svolge fra ottobre 2012 e maggio 2013 e si articola nelle seguenti unità formative:
· I modelli organizzativi della grande distribuzione (24 ore)
· Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro (16 ore)
· Haccp, sicurezza ed igiene degli alimenti (16 ore)
· Nozioni di merceologia e politiche commerciali (16 ore)
· Politiche commerciali nella g.d.o. (16 ore)
· Gestione economica del reparto (16 ore)
· Orientamento e servizio al cliente (16 ore)
· La gestione organizzativa del reparto (20 ore)
· Elementi del diritto del lavoro (12 ore)
· Team building (16 ore)
· Informatica (32 ore)
· Stage (600 ore)

Bando e domanda di ammissione
Documenti integrativi





Ci rompete le scatole e noi le apriamo....



Un prodotto un po' diverso dal solito, per sottolineare come il marchio Coop in questi anni si sia 
radicato nei suoi  punti vendita, dimostrandosi alla fine l'unica offerta preferenziale, o una delle
poche presenti in essi.

Per poco piu' di 6€ ho acquistato questo apriscatole a farfalla, un prodotto semplice nel contesto,
d'uso quotidiano, indispensabile per aprire i barattoli.

Prodotto da Pedrini P.P.L s.p.a (Concesio BS) , risulta molto pratico e robusto, comodo per 
la presa, grazie anche ai manici gommati in parte, ottima la presa dei denti sulla scatola e la 
farfalla scorre veloce e sicura durante l'apertura. 

L'etichetta come potete chiaramente intendere è stavolta molto essenziale. 
Ma è presente un buon suggerimento sul retro di essa , dove si consiglia di lavare, ingrassare, 
ed asciugare sempre il prodotto per una sua durata ottimale.



giovedì 4 ottobre 2012

Crisi, qualunquismo in libertà senza ferire nessuno!



E' un periodo difficile per il sistema economico mondiale, sopratutto nei
paesi, cosidetti “vecchi”, questo ha generato una crisi “funzionale” dall'ampio respiro, e senza tanti segnali confortanti di un'eventuale ripresa...
Qualche “guascone” ci dice che anche il nostro paese è entrato nel tunnel e che s'intravede una luce che si avvicina, ora costui si chiede se è la luce della salvezza o di un treno che veloce si avvicina pronto per sfracellarsi sul nostro naso.
Altri eroi del vecchio promettono ancora cose che il popolo, pensa, voglia gradire, come le classiche promesse nello stile “qualunquemente”, altri vorrebbero cambiare l'italia ed il nostro sistema economico radicalmente.
Ci sono giovani che studiano in America il modo di diventare politici, per far diventare ancora più succursale a stelle strisce il nostro paese, altri strizzono l'occhio al sogno di un tempo popolare di un sistema falsamente equo e sociale. Altri ammiccano all'esocità del nuovo popolo giovane che cresce, e vuole affermarsi nelle zone del nostro mondo.
Tutti coloro che vogliono il comando, ce l'hanno vogliono fare e dire la loro . Vogliono essere protagonisti del futuro di una Regione Europea,
come quella Italica.
Ma nessuno pensa, per davvero a chi soffre, a chi ha bisogno e vuole
crescere, nessuno pensa a far evolvere l'animo e lo spirito del popolo
che vive in questo lembo di terra nato dalla deriva e dei continenti
milioni di anni fa e destinato a scomparire con per lo stesso evento
nei prossimi milioni di anni.
Non possiamo aspettare il 2012 alla fine per decidere del nostro futuro.
Non possiamo aspettare la fine del mondo per riprendere in mano
quella falsa libertà ,controllata e quella dignità di proforma che il
sistema ci ha insegnato in tempi in cui tutto era concesso e tutto
approvato.
Non dobbiamo vivere nel passato e con il passato, pechè vuole dire
che siamo insodisfatti del nostro presente. E' giunto il momento di
noi consumatori, di noi portatori di portafoglo di aprire prima un
occhio, poi di aprire un altro e capire cosa e chi abbiamo accanto,
in che mondo ci siamo tuffati. Quali nostre speranze sono state vanificate
e quali conquistate.
E' un momento in cui ci sono pochi soldi nelle tasche, facciamo a
malapena ad arrivare alla fine del mese, perchè è il sistema che vuole
così. Forse si vuol creare finalmente una generazione di disoccupati
per assumerli negli eserciti del mondo e mandarli a combattere in una
nuova guerra, con nemici oscuri o come fantocci in coflitti fratricidi.
Ricordiamo che nelle scorse Guerre Mondiali , molti soldati di qualunque
schieramento alla fine non sapeva per chi o cosa stesse uccidendo e
combattendo, lo faceva e basta.
Forse si vuol riscrivere l'economia mondiale, ma questa è stata già
fatta. O forse la Geografia della Terra.
Sta di fatto che ora, sto parlando del Sud dell'Europa, in stati come
Grecia e Spagna ed Italia la crisi morde più di altri Stati.
La gente non arriva, come detto neanche a fine a mese con lo stipendio
esiguo del mese, ci sono milioni che non lo hanno neanche e sopravvivono.. Anche il commercio è in crisi, settori che “tiravano” i
consumi ora muoiono come carogne al sole , in attesa che gli avvoltoi
assaltino e voracemente distruggono gli avanzi tetri e macabri.
Non sembra ma siamo quasi alla canna del gas!..Ce lo dicono e lo ripetono...E' crisi!..Una moda?..Un trend?..La realtà!...Ma allora mi chiedo
se ci sono tanti che muoiono di fame come si fa a fare la fila per un
Iphone5 e spendere anche 1000€ per esso, quando c'è fame a giro?..
Intantoi consumi latitano. La gente è sempre più attenta a comprare.
A fare acquisti oculati pensando di fare ottimi affari.
Non ci sono buoni acquisto in Italia che danno merce gratis, ma dovrebbero inserirli in modo da far aumentare i consumi, in ogni
catena. I meno abbienti sarebbero sempre ottimi consumatori.
Mancano i reciclaggi con cauzione come usano nel Nord Europa,
noi non siamo gli ultimi del mondo perchè non ce la facciamo, ma
perchè lo vogliamo!..Burocrazia e lentezza, opportunità di guadagno
e scopi oscuri non fanno evolvere la nostra amata Regione Europea,
chiamata Italia.
Poi un buon consumatore che fa la spesa, capita di acquistare un
quotidiano qualsiasi e legge, notizia di questi giorni che tutte le
Regioni sono malsane e corrotte (o.d.g. Opinione dei Giornali), io
non la penso proprio così. Penso che coloro che per trovare il nuovo
bisognerebbe cercare coloro che sono dentro questo mondo e che
sono stati estromessi dalle iniziative importanti e dagl incarichi di
rilievo perchè non graditi e sollecitare la loro uscita dall'oscurantismo.
Perchè se no un azzeramento totale del sistema politico italiano
porterebbe ad un non sistema, al nulla.
Oggi al supermercato ho visto facce tristi, molto depresse, mi sono
chiesto perchè. La gente a comprare era molto poca, lontano dalle
giornate delle “vacche grasse” con carrelli straripanti e la gente
con il valore dei soldi all'oscuro. Ora la gente ha paura, ha paura
del domani, sembra che chi abbia organizzato tutto ciò abbia vinto.
Ma mi chiedo un “carrello felice” ci sarà ancora?.
Personalmente la mia visione è realista , da acuto osservatore la
ripresa del nostro paese giungerà verso il 2018, magari dopo una
III Guerra Mondiale. Intanto nel mondo del lavoro i diritti caleranno,
i doveri aumenteranno, la democrazia cambierà vestito.
Penso che è il momento di rimbocarci le maniche e riprendere i mano
le redini del nostro carrello. Perchè non siamo più solo portatori
di protafoglio, di ricchezza, siamo consumatori consapevoli, a cui sta
a cuore il futuro, se ve ne uno delle generazioni che verranno, che
ricorderanno come coloro che “distrussero il pianeta” e ci diranno
GRAZIE”.. Un grazie amaro di cui dovremmo vergognare.
E' il momento di preferire il cibo italiano, l'industria italiana, di proteggere la nostra casa dalla non italianità. Molti politici mi
sembrano un po' portati dalla piena, non me lo vogliano, ma se
ognuno di loro si candidasse alle elezioni e dicesse che vorrebbe
migliorare la salute dei suoi cittadini, e lo facesse il consenso sarebbe
totale senza tanta fatica.


E' il momento di fare scelte coraggiose è il momento di impugnare il
nostro carrello della spesa, armarsi di buon senso, di una somma di
denaro (non tanta) e di fare la spesa dicendo “cosa serve davvero” ,
badando alla qualità, alle certificazioni, all'eticità, al prezzo del
prodotto che vogliamo acquistare. Non è il momento di pagare e
basta false necessità. E' il momento di aiutare ciò che può aiutare
il nostro sistema a far girare le ali della crescita o ancora meglio
a fermare la discesa all'inferno che abbiamo intrapreso pensando
che l'altro farà il nostro dovere, al postro nostro. Pensando che
tanto l'altro farà per noi. Bene sappiate che l'altro non farà più
nulla per voi, ma lo farà per il suo mondo. Ognuno lavorerà la
sua parte di mondo, che poi si collegherà in una grande matrice
chiamata Sistema Terra. E' il momento di fare ognuno il proprio
compito, non a metà, non a parole. E' il momento di essere e
non di sopravvivere.
Scusate l'amaro sfogo, fonti a personaggi a fatti in questo mio
testo sono volutamente inesistenti per non creare alcun disagio
ad essi. Gli unici protagonisti realmente veri sono: la povertà,
la crisi, l'economia e di soldi pochi..
Io credo in me perchè non sono mai solo, e voi siete soli?....
Sbagliato..Ogni essere umano non è mai solo ma è sempre
accompagnato, passo passo, durante la sua breve vita, da le
sue certezze e le sue convinzioni.
Ricordatevelo..



Che dire ...Scusate ancora l'amara riflessione ma se farò
un cambiamento in qualcuno di voi, beh!...Sarebbe una cosa
davvero ottima. Scusate ancora per gli errori.
Scusate il mio qualunquismo, populismo ed a volte delirante
contestualità, ma in questo caso posso solo rispondervi che
siete nel torto voi e che siete compartecipi di questa situazione
che stiamo vivendo...
Riflettete

lunedì 1 ottobre 2012

Coop Tisana a base di melissa, menta, ortica, sambuci ed equiseto


Coop Tisana a base di melissa, menta, ortica, sambuci ed equiseto

Una buona tisana depurativa e drenante si può considerare questa tisana dal nome
composito a marchio Coop.

Una confenzione da 20 filtri dal peso di 40g. dove elementi vegetali mirati tendono
ad attivare le vie digestive, intestinali ed urinarie dell'essere umano. Una buona cosa
sarebbe quello di terminarla. Usandola ogni giorno piu' volte al giorno, anche come
sostitutivo di altri liquidi inadattati allo scopo.

La piccola scatoletta dal formato commerciale, offre un etichetta completa ed
approfondinta in stile Coop.

Sul fondo è presente la lista degli ingredienti e la loro percentuale di presenza:
Melissa(30%), Menta (30%), Ortica (20%), Sambuco (10%), Equiseto (10%)

E' prodotta sempre da Everton per Coop, nel lontano stabilimento indiano di
Tuticorin.

I valori nutrizionali sono molto contenuti sono tutti pari a zero.

Un uso corretto aiuta ma non risolve, può farlo solo in casi leggeri o in situazioni
transitorie. In un lungo periodo meglio mettersi in mano di un buon medico e
fitoterapeuta.

Opinione del prodotto presente sul sito di opinioni Ciao.it in forma integrale
link di riferimento:

http://www.ciao.it/Coop_Tisana_a_base_di_Melissa_Menta_Ortica_Sambuco_ed_Equiseto__Opinione_1619371